Vanduja è un vino rosso proveniente da vitigni autoctoni del Bellunese.
Torna Indietro

Vanduja

Vanduja è un vino rosso proveniente da vitigni autoctoni del Bellunese.

SUI GHIAIONI SCOSCESI SALE, ROMPENDO I SASSI DEL SUO FATICOSO VAGARE.

Vanduja racchiude in se profumi e sensazioni antiche e dimenticate. In un calice vi offriamo un emozionante viaggio tra glorie passate e tradizioni contadine delle nostre montagne. Vino rosso proveniente da vitigni autoctoni del Bellunese, complesso ed assolutamente austero, manifesta sottili note erbacee di sottobosco, piccoli frutti rossi dalle vaghe accentuazioni vanigliate. Al gusto molto morbido e profondo conferma le sensazioni olfattive di primo impatto. Dopo la degustazione rimane un piacevole e definito ricordo.
12,5% Vol. 75 cl.

DENOMINAZIONE: ROSSO IGT VIGNETI DELLE DOLOMITI

ZONA DI PRODUZIONE: Vallata Feltrina
ANNO: 2012
TIPO DI TERRENO: Conoidi ghiaiosi fortemente calcarei
VITIGNI: PAVANA, TREVISANA NERA.
SISTEMA DI ALLEVAMENTO: Guyot e cordoni speronati.
RESA PER HA: 30 – 50 ql.
RACCOLTA: Manuale in cassetta.
VINIFICAZIONE: l’uva viene selezionata manualmente in vigneto e portata in cassette di massimo 18-20kg in cantina per non schiacciare gli acini. Dopo essere stata diraspata e pigiata il mosto e le bucce seguono la tradizionale vinificazione in rosso in vasche di acciaio inox con macerazione prolungata di 25 giorni e fermentazione a temperatura controllata con continui rimontaggi e follature. A fine fermentazione segue pressatura soffice e fermentazione malolattica. Matura in acciaio per altri 2 mesi e poi passa in barrique per due mesi prima di essere imbottigliato.

CONFEZIONE MINIMA: DA TRE BOTTIGLIE.

Vini De Bacco

LA-STORIA-DI-DE-BACCO-DolomitiHeartLa riscossa del vino di montagna si può raccontare con quattro lettere.

Si chiamava Cuss il cane-maggiordomo al quale la famiglia De Bacco aveva affidato il compito di portare al collo una botticella con un po’ di “ristoro” per le lunghe giornate da trascorrere sui pendii delle vigne.

Si chiama Cuss anche il vino con il quale la cantina De Bacco, sede a Rasai, ha appena centrato un punteggio storico da medaglia d’argento al concorso internazionale organizzato dal Cervim (il Centro di ricerca, studi, salvaguardia, coordinamento e valorizzazione per la viticoltura montana) di Aymavilles (Valle d’Aosta) per la produzione 2011.

All’esordio in gara, il rosso feltrino prodotto con uve Merlot ha ottenuto dalla giuria un punteggio di 85,33/100 che spazza via in un solo colpo tutti i dubbi del mondo sulla possibilità di fare buon vino anche da queste parti. DE-BACCO-VINI-CUSS-DolomitiHeartE che apre un nuovo capitolo nella storia di una piccola azienda tenuta in piedi con coraggio da Marco De Bacco, 22 anni, e da sua sorella Valentina di 25. Piccola azienda sì, ma con una storia già lunga, se è vero che tutte le etichette della cantina feltrina - vini Igt delle Dolomiti - portano i nomi dei “vecchi” De Bacco, a cominciare dal bianco Jenia (la nonna di Marco e Valentina) che in Val d’Aosta ha ottenuto punteggi lusinghieri.


Cuss

Vini De Bacco

( € 10 )

Vanduja

Vini De Bacco

( € 12 )

Jenia

Vini De Bacco

( € 14 )

Saca

Vini De Bacco

( € 7.5 € 7.5 )

Ti può interessare anche...

Demetra

Dal Pont Arreda

( € 5500 )

Miele di Tiglio

Apicoltura Agostini

( € 5.2 )

Dolomiten Fahrt

Vincenzo Agostini

( € 69 )

Acquista il Prodotto

12,00

251

36,00

252

69,00

253
250251
Condividi:

Vini De Bacco

Il Vino delle Dolomiti diventa una realtà.
dettaglio